Mercatini di Natale di Montreux in camper – Incontriamo Babbo Natale nella terra dei dinosauri – Parte I

I mercatini di Natale di Montreux (Svizzera) sono considerati tra i più belli in Europa e, per gli amanti del genere, sono una meta irrinunciabile. A Daniele la precedente esperienza ai mercatini di Verona era piaciuta molto quindi siamo partiti a botta sicura. In ogni caso avevamo un altro asso nella manica per incuriosirlo: le montagne circostanti il lago di Ginevra fanno parte del Massiccio del Giura, dal quale prende il nome il Giurassico. Qui sono state trovate le impronte di dinosauro più grandi del mondo risalenti a circa 150 milioni di anni fa. Per rendere ancora più eccitante l’avventura, abbiamo deciso di far provare un’esperienza nuova al nostro piccolo bisonte (ed anche a mamma Adriana) andandoci in camper!

L'ingresso dei Mercatini di Natale di Montreux
L’ingresso dei Mercatini di Natale di Montreux

Purtroppo le previsioni del tempo che abbiamo consultato prima della partenza si sono rivelate clamorosamente sbagliate per cui la nostra vacanzina è stata funestata del maltempo fino a rimanere quasi bloccati dalla neve sul Monte Bianco. Nella seconda parte di questo articolo, tra le altre cose, vi raccontiamo anche com’è andato il viaggio di ritorno nella neve.

Passeggiata sul lungolago
Passeggiata sul lungolago – Qui con la neve ma abbiamo preso anche pioggia e forte vento!

In ogni caso la gita è stata veramente bella, molto family friendly e Daniele si è divertito molto. In fondo alla seconda parte dell’articolo, dopo il racconto della nostra esperienza, vi lasciamo come al solito tutte le informazioni dettagliate.

Un altro scorcio della passeggiata
Un altro scorcio della passeggiata per raggiungere i Mercatini di Natale di Montreux da Claren.

Per raggiungere la nostra destinazione abbiamo dovuto attraversare il traforo del Monte Bianco a causa di un crollo nella galleria del tunnel del Gran San Bernardo che sarebbe stato più comodo ed economico. Siamo poi scesi verso Martigny per arrivare a Montreux tramite strada statale (ampia e scorrevole, non serve l’autostrada, quindi niente vignette e, dopo il salasso del Monte Bianco, è una buona notizia!). La nostra casa per i prossimi giorni sarebbe stata l’area di sosta di Claren che si trova sul lungolago a soli 20 minuti circa di suggestiva passeggiata dai mercatini (per chi non vuole camminare c’è anche il filobus 201 che ferma a poca distanza). Lungo il tratto finale della passeggiata si trovano delle “sculture floreali” davvero carine.

Sculture floreali
Sculture floreali

I Mercatini di Natale di Montreux

Il mercatino è davvero notevole ed ospita circa 150 espositori in caratteristiche casette di legno lungo il lago ed altrettanti nell’area di mercato al chiuso. L’ingresso è gratuito e vi si possono fare incontri davvero particolari: noi abbiamo addirittura incontrato lo Yeti ovvero l’abominevole uomo delle nevi che, però, sembrava più un gigante buono dal quale il bisonte ha provveduto a farsi coccolare (il fatto che fosse un pupazzo è solo un dettaglio!).

Coccole dallo Yeti
Ci facciamo coccolare dallo Yeti!

Dato il freddo del periodo, trovare un modo per riscaldarsi è fondamentale. Come resistere, allora, alla tentazione del vin chaud che qui scorre a fiumi? Un’altra possibilità molto carina per riscaldarsi, rilassarsi un attimo e socializzare con gli altri visitatori è avvicinarsi ai bracieri nei quali viene perennemente mantenuto acceso il fuoco.

Un braciere per scaldarsi.
Un braciere per scaldarsi.

Per i più piccini i folletti aiutanti di Babbo Natale organizzano laboratori (a pagamento) e raccontano storie che introducono ancora di più i bambini nell’atmosfera natalizia. Babbo Natale, poi, ogni tanto sorvola il mercatino sulla sua slitta trainata dalle renne! O meglio… dovrebbe farlo ma, con la nostra solita fortuna, non si è visto perché il tempo variava tra il vento forte, la pioggia e la neve senza soluzione di continuità. I controllori di volo del polo nord non devono avergli dato il permesso di decollare!

Stanchi dopo le “fatiche” è il momento di rifocillarsi e riempire la pancia. Qui non c’è che l’imbarazzo della scelta: ci sono stand che offrono cibo tipico per tutti i gusti. C’è addirittura un’enorme struttura di legno chiamata “mercato coperto” (da non confondere con l’edificio all’interno del quale si svolge il vero mercato coperto) che è interamente riempita di stand a tema gastronomico. Noi siamo stati particolarmente attirati dai waffle dolci.

Qualche specialità tipica
Qualche specialità tipica

Qui si trova anche uno stand molto particolare in cui i visitatori possono attaccare i loro biglietti di auguri o di richiesta a Babbo Natale sui tanti alberi e casette presenti che ne sono, letteralmente ricoperti. Una vista davvero suggestiva!

Sulla via principale della città, appena alle spalle del mercatino lungolago, sorge il Fairmont Hotel “Le Montreux Palace”, un sontuoso albergo a quattro stelle risalente alle Belle Epoque sulla facciata del quale vengono proiettati spettacoli luminosi (dalle 17 alle 21 con inizio ai minuti 15 e 45). Pensavamo che al bisontino sarebbe interessato vedere una cosa così particolare ed invece nisba, non glie ne poteva fregare di meno!

Qui termina la prima parte del resoconto del nostro viaggetto natalizio ai Mercatini di Natale di Montreux. Nella seconda parte vi racconteremo dell’incontro con Babbo Natale, di cosa fare nel circondario, vi daremo tutte le informazioni dettagliate per ripetere la nostra esperienza e vi racconteremo anche del viaggio “movimentato” che abbiamo avuto per tornare a casa.

Intanto godetevi il video che abbiamo realizzato e, se pensate che ce lo siamo meritati, iscrivetevi al canale, spolliciate in su, attivate la campanellina, commentate e condividete!

VAI ALLA SECONDA PARTE DELL’ARTICOLO.

 

Precedente Buon anno! Felice Anno Nuovo! Successivo Mercatini di Natale di Montreux in camper – Casa di Babbo Natale, Castello di Chillon e molto altro – Parte II

6 commenti su “Mercatini di Natale di Montreux in camper – Incontriamo Babbo Natale nella terra dei dinosauri – Parte I

  1. Ma bellissimo! Pensa che proprio oggi una mamma della scuola mi ha parlato di questo villaggio di Babbo Natale e stavo pensando di portarci le bimbe un weekend di questi!

Lascia un commento

*