I ramponi servono solo in montagna?

In questi giorni una notizia mi ha particolarmente colpito: un uomo di 56 anni è morto scivolando sul ghiaccio e battendo la testa a Milano (http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/03/03/ACF9jXkB-milano_scivola_ghiaccio.shtml). Ho realizzato che è lo stesso rischio che sovente corriamo noi in inverno e per il quale abbiamo deciso di usare dei ramponi anche in città. Vi racconto il perché e come ci siamo attrezzati per minimizzare il rischio di farci male.

Immagine articolo di giornale
Immagine tratta da: http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/03/03/ACF9jXkB-milano_scivola_ghiaccio.shtml

Viviamo in un piccolo paesino nella prima montagna in provincia di Torino. Per l’esattezza viviamo in una borgata che è raggiungibile dal centro del paese tramite una strada asfaltata ma piuttosto ripida. Siamo, quindi, abituati ad avere neve nel periodo invernale e l’arrivo del Burian di queste ultime settimane ci ha, infatti, regalato parecchia neve e ghiaccio sulle strade.

Purtroppo il nostro comune è particolarmente inefficiente nel servizio spazzaneve ed il risultato è che, sovente, siamo costretti a lasciare la macchina in paese ed andare e venire da casa a piedi tutti i giorni.

Il piccolo bisonte è super eccitato all’idea, ogni mattina, di fare “l’avventura” come la chiama lui, ovvero vestirci con la tuta da sci e gli scarponi, fare 20 minuti a piedi per la ripida discesa fino in pese, recuperare la macchina, pulirla dalla neve e dal ghiaccio e partire per andare all’asilo.

Succede quasi tutti gli inverni, non ce ne curiamo più di tanto. Se è il prezzo da pagare per essere circondati da boschi anziché da cemento ben venga.

La sera tornando dal lavoro, poi, occorre affrontare la salita, armati magari anche delle borse della spesa e dell’immancabile pila. Volete mica che abbiano installato un minimo di illuminazione pubblica?

Strada ghiacciata di notte
Eccoci tornando a casa dopo una pizza con gli zii. Temperatura -5 °C. La strada sembra solo un po’ imbiancata ma, quello che non si vede, è lo strato di ghiaccio sottostante. Ed il bisontino dorme nel passeggino.

Dopo qualche brutto scivolone il primo inverno abbiamo deciso di correre ai ripari. Come? Ma con i ramponi ovviamente!

Sovente si pensa che i ramponi siano un attrezzo usato solamente dagli alpinisti o dagli scalatori di cascate di ghiaccio. Non è così, ci sono diversi tipi di ramponi, di tante marche e prezzi diversi, utili in diversi contesti. Esistono, infatti, oltre ai modelli tecnici e costosi utilizzati dagli esperti in montagna, anche dei pratici ed economici ramponcini che si possono usare tranquillamente sotto le scarpe normali o, nel nostro caso, sotto gli scarponcini da montagna e consentono di non scivolare sul ghiaccio quando lo si incontra in ambienti “normali”.

Dopo averne provati diversi tipi con alterne fortune, alla fine abbiamo scelto il nostro modello di ramponi “cittadini” definitivo. Si tratta degli Ice Chains:

Più o meno tutti i ramponi di questo tipo presentano degli “spunzoni” (a differenza del tipici “denti” dei ramponi da alpinismo) sotto la parte anteriore del piede o anche sotto il tallone e si fissano alle scarpe tramite una sorta di fascia elastica.

Ramponi fissati agli scarponcini
Ramponi fissati agli scarponcini

Il modello che abbiamo scelto ha chiodi solamente sotto la parte anteriore del piede, potrebbe sembrare una limitazione ma la loro tipologia è quella che, secondo la nostra esperienza, consente la migliore aderenza. Il tipo di cinghiatura gommata garantisce una tenuta stabile e non tende a sfilarsi camminando. Ne esistono anche di altri tipi (anche più economici) e ne abbiamo provati alcuni in passato ma questi sono quelli che, per lo meno per il nostro uso, garantiscono la tenuta migliore, sono resistenti, ed hanno chiodi di dimensione adeguata (non troppo piccoli da non garantire la tenuta né troppo grandi da essere eccessivi). Chiaramente non sono adatti per camminare in montagna ma per la città sono ottimi.

I chiodi dei nostri ramponcini
I chiodi dei nostri ramponcini

Quando il ghiaccio, come in questi giorni, ricopre abbondantemente anche i marciapiedi in città, li teniamo sempre in macchina: sono spesso risultati utili non solo per la nostra discesa/salita di casa.

Pensate sia una precauzione eccessiva? Considerate quando portate in braccio (magari da e per l’asilo) i vostri piccoli e ripensate a quello che è successo al signore di Milano. Pensate ancora sia una cosa eccessiva? Noi sinceramente no.

La sicurezza non è mai abbastanza seppure non si possa annullare completamente il rischio e, quando ne va anche di quella dei nostri bambini, ancora di più!

Se siete interessati all’acquisto di questi ramponcini li potete trovare su Amazon (non fatevi ingannare dalla descrizione…). Precisiamo che il link non è sponsorizzato.

Precedente Il carnevale storico di Torino - L'Antico Carnevale del Balon Successivo Il parco archeologico di Arzachena - In Gallura alla ricerca dei giganti

Lascia un commento

*