Crea sito

Quali documenti di viaggio servono per le vacanze all’estero?

Quante volte, organizzando una vacanza, ci siamo chiesti quali documenti di viaggio servono per entrare in un determinato paese? Per le destinazioni più comuni le informazioni sono facilmente disponibili ma, a volte, il dubbio su quando serve il passaporto o per quali paesi è necessario il visto può venire.

E’ un dato di fatto che molti viaggiatori scelgono l’organizzazione “fai da te” che, pur essendo più impegnativa, consente di personalizzare un viaggio nella maniera più completa ed è anche meno costoso che rivolgersi ad un’agenzia. Noi siamo tra questi ma non vogliamo dire che i servizi professionali forniti da un’agenzia non siano importanti, anzi: organizzare tutto da soli espone sicuramente a maggiori rischi in caso di errori ed uno deve essere disposto ad accettarli.

Non rivolgendosi ad un’agenzia di viaggio, occorre procurarsi altrove le informazioni ma, mentre la rete, i blog e le guide di viaggio sono spesso ottime fonti per definire un itinerario, non li possiamo considerare delle fonti affidabili per reperire informazioni che abbiano risvolti legali o per definire se una destinazione è sicura o no.

Documenti richiesti per viaggiare
Photo by Francesca Tirico on Unsplash

Documenti di viaggio, come sapere quali portare

I documenti richiesti per viaggiare non dipendono solo dalla destinazione ma anche dalla durata del soggiorno e dal motivo dello stesso (se per turismo, per studio o per lavoro). Ogni paese ha delle specifiche richieste ed, a volte, è difficile orientarsi.

Una fonte ufficiale sempre affidabile ed aggiornata, però, c’è. Si tratta della IATA ovvero la International Air Transport Association che riunisce quasi tutte le compagnie aeree mondiali coprendo oltre l’80% del traffico aereo complessivo.

Lo IATA Travel Centre centralizza tutte queste informazioni fornite alle compagnie aeree dalle varie polizie e autorità responsabili dell’immigrazioni nei vari paesi e le mette a disposizione del pubblico tramite un motore di ricerca online rapido e semplice da usare.

Lo IATA Travel Centre fornisce anche informazioni di tipo sanitario, sulla tassazione e le valute in vigore, il fuso orario, il prefisso telefonico internazionale e sulle regole di frontiera per le cose che portiamo con noi. Solo per fare un esempio, se pensate di recarvi in argentina portando il vostro animale da compagnia nato da meno di tre mesi, non è necessaria la vaccinazione antirabbica.

Il motore di ricerca per le informazioni sui documenti di viaggio si trova a questo indirizzo.

Per prima cosa dovrete indicare il paese di destinazione, nella schermata successiva è richiesto il paese di provenienza, la compagnia aerea, la data e la durata del soggiorno ed il motivo. Poi dovrete indicare la vostra nazionalità, gli estremi ed il tipo di documento di identità che pensate di usare (ad esempio il passaporto).

Report Documenti di ViaggioIl risultato è un sintetico report che indica se il documento va bene, se è richiesto il visto oppure no e se sono richieste vaccinazioni. In caso i risulti che i vostri documenti non sono sufficienti e/o che è necessario un visto (come nell’immagine di esempio qui sopra che abbiamo prodotto noi ad arte inserendo dati che sapevamo già non andare bene), allora dovrete far riferimento all’ambasciata/consolato del paese di destinazione per sapere come risolvere il problema. Spesso le ambasciate mettono a disposizione appositi siti internet su cui trovare le informazioni che servono.

Documenti necessari per viaggiare con minori

Per quanto riguarda i documenti necessari per viaggiare con i bambini all’estero, tutte le informazioni necessarie si trovano sul sito della Polizia di Stato. In particolare, tutti i minori devono avere un proprio documento (carta d’identità, passaporto o lasciapassare). Non è più possibile registrarli sui documenti dei genitori come in passato.

Il lasciapassare che veniva fornito ai minori di 15 anni prima del 2011 è ormai diventato obsoleto in quanto adesso i minori possono avere una loro carta d’identità personale (anche valida per l’espatrio) a partire dalla nascita.

La carta d’identità si deve richiedere al proprio comune di residenza mentre il passaporto alla questura. La validità è triennale di per i bambini fino a 3 anni e quinquennale fino ai 18 anni.

Inoltre, i minori di 14 anni che viaggiano accompagnati da persone che non siano i loro genitori hanno bisogno di un’apposita dichiarazione di accompagno.

Tutte le informazioni si possono trovare a questo indirizzo.

La mia destinazione è sicura? E se succede qualcosa?

Le informazioni sulla sicurezza di una meta vengono fornite dal ministero degli esteri e rese disponibili tramite il sito www.viaggiaresicuri.it che vi invitiamo a consultare ogni volta che dovete scegliere una meta. La Farnesina, tramite la propria unità di crisi, realizza anche il servizio “dove siamo nel mondo” che potete trovare qui. Tramite questo sito è possibile registrare le destinazioni che si intende raggiungere ed il periodo per essere più facilmente rintracciabili in caso nel paese che state visitando dovesse succedere qualcosa.

Entrambi questi servizi sono disponibili anche tramite apposite APP.

In questo modo, se allo scoppio di una crisi o all’occorrenza di una calamità naturale, ci troviamo nella zona colpita, i funzionari possono contattarci tramite i recapiti che abbiamo fornito ed offrirci assistenza in caso di necessità, così come rassicurare i nostri parenti a casa se non siamo stati coinvolti.

Adesso che non avete più dubbi su quali documenti vi servono per partire e su come evitare mete pericolose, magari vi può interessare la nostra mini guida con tutte le informazioni per viaggiare in aereo con i bambini che ha già aiutato tanti altri genitori nei primi viaggi in famiglia. Contiene le risposte a tutte le domande che ci eravamo posti noi a suo tempo e che avevamo trovato molto utili (debitamente aggiornate con l’esperienza).

12 Risposte a “Quali documenti di viaggio servono per le vacanze all’estero?”

    1. Per fortuna molte mete sono accessibili senza troppe formalità ma, fra non molto, potrebbe venirci il dubbio se per andare nel Regno Unito sia sufficiente la carta d’identità. Non è necessario andare in paesi lontani per non essere sicuri di quali documenti portare. Il sito che abbiamo indicato risolve tutto e si è sicuri che le informazioni sono ufficiali, corrette ed aggiornate.

    1. Sì, soprattutto il motore di ricerca IATA è poco conosciuto ma molto utile. Mi fa piacere che la nostra segnalazione ti serva.

    1. Grazie, hai proprio ragione. Per chi non ha molta esperienza è utile avere una risorsa così a disposizione soprattutto perché è sempre aggiornata ed ufficiale.

  1. Io penso che prima di tutto è bene pensare di fare una assicurazione che copra anche le spese mediche e di eventuali recuperi sanitari. Proprio pochi gg fa sono stata in Ungheria in un ospedale militare a recuperare una signora anziana colpita da crisi epilettiche e senza assicurazione un vero salasso per la famiglia il viaggio in ambulanza di ritorno con la scorta medica. Ad ogni modo sono ottimi consigli e chiaramente è bene sempre preparare tutto con largo anticipo!

    1. Assolutamente! L’assicurazione è un problema diverso che non ho trattato in questo post ma anche noi non partiamo mai senza. Poi con un bambino al seguito è ancora più importante.

    1. E’ vero e sapere fin da subito, con una semplice ricerca online di pochi secondi, se i documenti in nostro possesso sono sufficienti può farci risparmiare un bel po’ di tempo.

  2. Mi sembra molto utile perche invece di cercare in tanti siti diversi e anche con informazioni a volte contrastanti riesci ad avere un panorama chiaro di quello che ti serve. Poi se viaggi con i bambini necessario ! Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *