#OrgoglioGlobetrotter – Ebbene sì: siamo nell’Olimpo!

Oggi è una giornata speciale che merita di essere celebrata con un post mattutino e perfettamente in tempo rispetto all’accaduto. Tutto ciò è completamente inusuale per i nostri standard! Oggi siamo sul pezzo e ne abbiamo ben donde!

Avremmo voluto oggi festeggiare la nascita del nostro profilo Instagram sul quale abbiamo caricato la prima immagine ieri sera ma chi l’avrebbe mai detto che, invece, avremmo avuto ben di più da festeggiare?

Ebbene sì: siamo entrati nell’Olimpo dei globetrotter e dei travel blogger! Dall’alto dei nostri ben 33 follower (che sono più di quelli a cui si rivolgeva Manzoni, mica pizza e fichi!) possiamo dirlo: ci siamo anche noi!

Perdonate l’eccesso di punti esclamativi ma non stiamo più nella pelle.

“Cos’è successo – vi chiederete voi – dato che non vi c… nessuno?” ed avreste perfettamente ragione ma, dato che oggi ci sono da festeggiare ben due eventi, ve lo diciamo: abbiamo ricevuto il nostro primo #beativoi !!! La nostra arrampicata sociale è finalmente giunta al termine! Ormai siamo anche noi di quelli che hanno un lavoro per cui sono profumatamente pagati nonostante il fatto che non facciano un c… tutto il giorno e siano sempre in giro. #OrgoglioGlobetrotter

Siamo anche noi di quelli con il conto in banca pieno come un uovo ed il portafoglio gonfio. #OrgoglioGlobetrotter

Ce l’abbiamo fatta! #OrgoglioGlobetrotter

Come direbbe il grande capo Estiqaatsi?

E comunque, sappiatelo, abbiamo anche un bancomat personale che ci consente di prelevare piccoli lingotti d’oro perché a prelevare banconote sono capaci tutti. Barboni! Sia ben chiaro che i lingotti sono piccoli non perché non possiamo permettercene di grandi ma perché entrano più facilmente nel taschino del panciotto. Non dobbiamo neanche andare in banca come i poveracci, ce l’abbiamo in salotto. Premiamo il bottoncino e giù il lingottino, taaac! Perché, voi no? Ah, sfigati!

Perdonate la volgarità ma ogni tanto ci vuole!
Perdonate la volgarità ma ogni tanto ci vuole! Credits

Chissene se il bisonte ha saltato due giorni di asilo dopo l’Immacolata! Tanto noi eravamo in vacanza in Svizzera! Non importa se ha saltato due giorni perché uno l’abbiamo passato bloccati al traforo del Monte Bianco bloccati da una tormenta di neve e l’altro è rimasto a casa perché aveva la febbre dovuta, probabilmente, all’eccessiva stanchezza di un viaggio della speranza in cui ha passato 24 ore legato al seggiolino e, a tre anni e mezzo, non è per niente una cosa semplice.

Chissene se, per riuscire a farsi ogni tanto qualche giorno di vacanza, bisogna fare acrobazie funamboliche tra i problemi di lavoro che tutti sempre hanno.

Chissene se portiamo sempre il cibo da casa anziché andare al ristorante così si risparmia un po’, se per fare quello che facciamo si mangia in viaggio senza neanche fermarsi così si può sfruttare meglio il poco tempo che c’é.

Etc, etc, etc…

Chissene! Ce l’abbiamo fatta anche noi! Siamo nel’Olimpo! Abbiamo ricevuto il primo #Beativoi delle nostra carriera come famiglia (dopo quelli ricevuti in passato in singolo o in coppia ma quelli contano meno).

Lo festeggiamo rivendicando l’ #OrgoglioGlobetrotter: l‘orgoglio di tutti quelli che sono ricchi, oltre che nel portafoglio (perché dobbiamo esserlo per forza dato che #siamosempreingiro), anche dentro perché cerchiamo di fare ciò che ci fa stare bene, perché costruiamo insieme una caterva di ricordi che nessuno ci toglierà mai e perché il bisonte è ricco di esperienze che lo aiuteranno a crescere. Perché crediamo fermamente nell’esperienza diretta come metodo educativo e formativo perché, quando studi a scuola la Stele di Rosetta, non c’è niente come il vederla dal vero anziché in una foto di 3 cm di lato su un libro di scuola. E per questo vale la pena di perdere giorni di scuola, eccome se vale!

Però per la stele di Rosetta è ancora un po’ prestino…

Precedente I mercatini di Natale di #inviaggiocoiblogger Successivo Questa settimana siamo ospiti di Trippando con i Gofri

Lascia un commento