Il Salone del Libro di Torino con i bambini

Eccoci appena tornati dal Salone del Libro di Torino. Sarà forse la seconda volta nella storia (breve) di questo blog che riusciamo a pubblicare un post con tempismo perfetto rispetto alla nostra visita. Ci pare già un record!

Che voi siate degli avidi lettori o dei semplici curiosi, il Salone del Libro di Torino vale sempre una visita. E’, probabilmente la manifestazione di questo genere più importante a livello nazionale e noi oggi cerchiamo di rispondere alla domanda: ha senso visitare il Salone del Libro con i bambini?

La nostra risposta è assolutamente sì, al punto che il piccolo bisonte ha tre anni e mezzo e questa è la seconda volta che veniamo con lui.

Sui cinque enormi padiglioni che lo compongono, uno (proprio il numero 5) è interamente dedicato ai bambini e ragazzi di tutte le età.

I servizi per le famiglie, bambini e ragazzi cominciano con l’ottima accoglienza presso il punto di appoggio per bambini dagli 0 agli 11 anni.

Salone del Libro di Torino: accoglienza famiglieQui vengono organizzate attività, letture, c’è lo spazio per risposarsi e giocare. Viene anche offerto un servizio di baby parking con educatrici che intrattengono i bambini ed, eventualmente, li accompagnano alle attività a loro dedicate tra gli eventi organizzati dal salone. C’è uno spazio dedicato per l’allattamento ed il cambio dei pannolini nonché un’area appositamente dedicata alla merenda o al pranzo portati da casa o acquistati presso i punti di ristoro della mostra.

Volendo c’è un’area apposita in cui depositare temporaneamente i vostri passeggini mentre, se non ce l’avete, dovrebbe essere possibile prenderne uno in prestito (o noleggiarlo) ma non ne siamo sicuri perché ci siamo dimenticati di verificare questa informazione. Sorry.

Una nostra lettrice ci ha segnalato di aver rinunciato ad andare al salone perché, dopo aver telefonato all’ufficio informazioni per sapere se sarebbe stato possibile entrare con il passeggino, le è stato risposto di no. Beh, possiamo assicurarvi che, invece, è assolutamente possibile. Tuttalpiù potrebbe essere difficoltoso girare tra gli stand a causa della folla.

Salone del Libro di Torino: spazio merendaL’area appositamente studiata per i più piccoli fa riferimento al progetto nati per leggere. In questo spazio, tra divanetti, cuscini su cui coricarsi e salette appartate, potrete trovare libri per i più piccoli a disposizione per leggerli insieme e personale a cui chiedere consigli.

Salone del Libro di Torino: nati per leggere
Libro scelto! Ora cerchiamo un angoletto appartato.

Questo è lo spazio che, quest’anno, alla nostra seconda esperienza qui con Daniele, lui ha cercato con insistenza ricordandosi dell’anno precedente. E’ inutile pensare di cavarsela rapidamente, dovete mettere in conto una bella sosta qui prima di riuscire a ripartire…

Nell’area nati per leggere vengono anche organizzate letture di fiabe con il supporto di immagini e video e noi, ovviamente, ne abbiamo approfittato.

Salone del Libro di Torino: Racconto fiabe

Presso lo stand di Topolino, poi, i disegnatori Disney insegnano ai piccoli artisti in erba a disegnare i famosi personaggi:

Salone del Libro di Torino: stand Topolino
Disegnamo pippo!

Per l’acquisto dei libri, nel padiglione 5 del Salone del Libro di Torino troverete diversi spazi suddivisi per età e, per i ragazzi, per interessi (abbiamo notato un interessante stand dedicato ai libri su arte e design per gli adolescenti). Qui abbiamo trovato i nostri libri dei sogni, uno dei due contiene anche un non troppo velato indizio sulla prossima destinazione di viaggio.

In questo padiglione vengono organizzati anche laboratori per le famiglie (occorre prenotarsi in anticipo) ed attività per le scuole. Inoltre ci sono due sale conferenza in cui vengono organizzati incontri e presentazioni dedicate ai bambini ed ai ragazzi.

Non pensate, però, che l’offerta per i bambini del Salone del Libro di Torino finisca qui, soprattutto se i vostri figli sono più grandicelli: anche negli altri padiglioni sono tantissimi gli editori che presentano la loro “offerta kids”. Quello che ci è particolarmente piaciuto è la grandissima quantità di libri di divulgazione scientifica e giochi educativi per tutte le età. In un paese come il nostro in cui la cultura scientifica è vergognosamente bassa ci è sembrata davvero un’ottima cosa.

Siccome, però, la confusione che regna al Salone è davvero tanta, date le migliaia di persone che lo visitano provenienti da tutta Italia, i bambini più piccoli tendono a stancarsi facilmente una volta usciti dal padiglione loro dedicato. Può essere utile sapere che, nel nutritissimo programma di eventi, ci sono sempre dei concerti per cui, per un momento di relax e di “stacco” dal rumore e dalla folla, date un’occhiata al programma e sicuramente troverete un angolino dove andare a gustarvi un po’ di musica e far riposare gli eredi.

Noi ne abbiamo approfittato per cogliere due piccioni con una fava: non ci si può esimere da una visita allo stand della Croce Rossa dove papy Luca fa il volontario, qui ci siamo goduti un po’ di musica ed il piccolo bisonte ha scoperto l’esistenza di uno nuovo strumento: il mandolino. Il percorso di educazione musicale continua!

Salone del Libro di Torino: concerto allo stand della CRISe l’attenzione dei bambini dovesse calare un po’ (magari per via della stanchezza) mentre voi non avete ancora finito di vedere quello che era nei vostri piani, non vi preoccupate: ci sono tante “stranezze” che possono attirare la loro attenzione come, ad esempio, i libri (leggibili) più piccoli del mondo! Perdonate la fotografia sfocata ma l’importante è rendere l’idea delle dimensioni.

Salone del Libro di Torino: i libri più piccoli del mondo
I libri più piccoli del mondo. Qui una copia del Vangelo di Luca

L’edizione di quest’anno del Salone del Libro di Torino è stata etichettata come l’edizione dei record data l’enorme affluenza di espositori e pubblico (circa 150 000 visitatori al Salone e più di 26 000 al Salone Off). Alla fine ne siamo usciti stanchissimi ma soddisfatti e con le borse piene. Per quanto riguarda l’edizione dell’anno prossimo si ventila che possa diventare un evento Europeo. Se così sarà allora sarà ancora più interessante!

WHERE DO WE GO NEXT?

Il Salone del Libro di Torino con i bambini: Informazioni utili (aggiornate a Maggio 2017):

Sito internet ufficiale: http://www.salonelibro.it/it/

Luogo: Lingotto Fiere, via Nizza 280, Torino. E’ comodamente raggiungibile in treno (stazione Torino Lingotto), in metropolitana (fermata Lingotto) ed in auto (ampi parcheggi a pagamento disponibili.

Biglietti: Adulti Euro 10, bambini al di sotto di 3 anni gratis, da 3 a 6 anni Euro 2,5, da 7 a 26 Euro 8. Ci sono vari sconti ed abbonamenti che consentono di ridurre il costo, sul sito trovate tutte le informazioni. Per i blogger a tema esclusivamente letterario, è possibile ottenere l’accredito professionale ed entrare al prezzo scontato di Euro 5. Per saltare le code notevoli che a volte si creano all’ingresso, è possibile acquistare i biglietti in prevendita online direttamente sul sito della manifestazione. I questo caso viene applicato un diritto di prevendita di 1 Euro (2,5 Euro per l’abbonamento).

Controlli di sicurezza: Tutti i visitatori vengono controllati con il metal detector e viene controllato l’interno di zaini e borse. Bottiglie dure (vetro, plastica dura, etc…), deodoranti e cose simili non sono ammessi. Noi abbiamo passato il controllo “riservato” per utenti professionali e stampa ed il fatto di avere con noi il piccolo bisonte nel suo passeggino ha fatto sì che non venissimo controllati, quindi non abbiamo avuto problemi. Parlando con gli addetti alla sicurezza abbiamo potuto vedere le cose “sequestrate”: qualcuno ha cercato di entrare, ad esempio, con un enorme bollitore di metallo!

Precedente Le spiagge più belle della Gallura, secondo noi Successivo Una giornata nel golfo di Orosei con #inviaggiocoiblogger

4 commenti su “Il Salone del Libro di Torino con i bambini

  1. Per noi Torino è molto fuori mano, ma è una di quelle tappe che guardo sempre con curiosità e che dovrò trovare il modo di fare prima o poi. Mio figlio grande ama i libri tantissimo e quindi so che gli farei un regalo. Grazie dei suggerimenti

    • inviaggiocolbisonte il said:

      Beh, in qualunque momento, anche senza salone del libro, Torino è stupenda e merita sicuramente una bella visita!

Lascia un commento

*