Travolti dai follower a Ventimiglia

Tempo fa vi avevamo raccontato di essere entrati nell’olimpo dei globe trotter e dei travel blogger ed avevamo scritto un articolo scherzoso su un’esperienza successaci che è tutto’ora uno degli articoli più letti del blog. Non lo avete ancora letto? Malissimo! Ma potete ancora correre ai ripari andando a leggerlo adesso. Oggi vi raccontiamo di un’altra esperienza “particolare” che ci è capitata proprio in questi giorni: siamo stati travolti dai follower a Ventimiglia!

No, non è un titolo clickbait e vi spieghiamo il perché.

Un personaggio di successo, facciamo l’esempio di Britney Spears giusto per citarne uno, ha più di 20 milioni di follower su instagram. Ai suoi concerti partecipano decine di migliaia di persone e, all’uscita, immaginiamo che qualche migliaio tenti di correrle dietro ed “assalirla” in qualche modo sperando in un autografo od un selfie. Immaginiamo che queste persone siano 5000 (se poi sono di più o di meno cambia poco). Dunque stimiamo che, in media, possano essere lo 0,025% dei suoi follower.

Ecco, noi su instagram abbiamo, in questa fine di Agosto 2018, appena 300 follower; un po’ meno, in realtà, ma arrotondiamo per semplicità (tra l’altro, se non ci seguite ancora cosa aspettate a farlo? Così arriviamo a 300 sul serio!). Dunque per noi sarebbe un enorme successo essere travolti dallo 0,025% di loro. Vuol dire che, con le dovute proporzioni, avremmo lo stesso successo di Britney Spears! Dunque, facendo il conto, sono 0,075 follower. Ipotizzando un peso medio a follower di 60 kg (perché noi vi immaginiamo tutti smilzi e super fit, al contrario di noi!) vuol dire che se incontrassimo un qualche ammasso di carne di 4 kg e mezzo appartenente un nostro follower sarebbe un successone.

4,5 kg… Forse il peso di un braccio… Sì, ecco: se incontrassimo qualcuno per strada che ci desse uno schiaffone e venisse fuori che ci segue su instagram allora saremmo di nuovo saliti nell’olimpo delle persone di successo!!!

Ecco, quello che è capitato nella realtà va ben oltre ogni nostra immaginazione! Abbiamo fatto molto più di Britney Spears! Abbiamo incontrato una nostra follower ventimigliusa che, vedendo dai nostri post che ci trovavamo lì, ci ha contattati dicendo che le avrebbe fatto piacere conoscerci!

Niente schiaffoni da braccia vaganti pesanti 4 chili e mezzo, quindi, ma la conoscenza di Anna Maria nella sua interezza, con il marito Massimo e la bellissima figlia Giorgia (uno dei nomi papabili per il piccolo bisonte se fosse nato femmina!). Più travolti di così! Ironia della sorte abbiamo anche scoperto che abita nel nostro stesso cortile…

Travolti dai follower a Ventimiglia
Eccoci con Anna Maria, Massimo e Giorgia!

I grandi travel blogger o youtuber, quelli con tanti fan, organizzano i “viaggi con gli iscritti” in Islanda, noi ne abbiamo solo 300 scarsi e quindi siamo andati a prenderci un gelato ma è l’emozione di incontrare qualcuno che ti apprezza che conta! Il parlare di viaggi (e di bambini) con qualcuno che ti legge. L’emozione di essere stati molto più che travolti dai follower nella nostra Ventimiglia!

Grazie mille Anna Maria, Massimo e Giorgia per averci fatto sentire importanti (che sensazione strana, però!) e per averci regalato un momento unico.

Il piccolo bisonte, poi, ha fatto molta amicizia con Giorgia e quindi, negli ultimi giorni della nostra vacanza, ha voluto ogni giorno organizzare di andare in spiaggia con lei. Anche questo è un grande risultato vista la sua naturale ritrosia e diffidenza. E poi, dopo l’amica del cuore all’asilo e la nuova amica al mare, possiamo proprio dire che il nostro piccolo bisonte, come i veri viaggiatori ed i marinai, ha una donna in ogni porto!

Grazie, quindi, a loro ed a tutti voi che ci seguite e che, con i vostri messaggi, ci date una carica pazzesca!

E vedete che il titolo “travolti dai follower a Ventimiglia” non era un clickbait? Con le dovute proporzioni e calcoli alla mano, Britney levati!

Anna Maria ci ha anche detto di aver incontrato Milena Marchioni di Bimbi e Viaggi e poi noi. Cioè, capiamoci, Milena è una professionista seria, mica un quaquaraquà come noialtri!

Come avrete capito da tutto questo sproloquio, noi proprio normali normali non siamo e, per testimoniare il fatto che “le mele non cadono mai lontane dall’albero”, il piccolo bisonte ultimamente ha preso l’abitudine di correre per poi buttarcisi addosso (e poi ci chiedete come mai l’abbiamo soprannominato così) al grido di “1, 2, 3, maresciallocecchini!!!”.

Quindi, in conclusione, carissimi amici, lettori e follower, se in giro per strada sentiremo qualcuno che urla “1, 2, 3 maresciallocecchini!!!” sapremo che siete voi che volete conoscerci. Che diventi il nostro grido di riconoscimento: siete quasi 300, come Leonida alle Termopili, quindi fatevi sentire!!! Ma niente schiaffoni per favore, ed invitate qualche amico a seguirci così arriviamo a 300 sul serio! Se poi ci seguite anche su Facebook ci fate piacere.

Precedente In aereo con i bambini - ecco le 10 cose (più una) da sapere se l'ansia è la vostra compagna Successivo Val Varaita (CN) – Una passeggiata al Rifugio Savigliano

2 commenti su “Travolti dai follower a Ventimiglia

  1. Martina Bressan il said:

    bellissimo ! i numeri non sempre contano, conta la qualità .. e soprattutto al di fuori di Instagram contano i rapporti umani che si instaurano con le persone! voi avete dato un ottimo esempio! Complimenti per la simpatia e la semplicità.. da oggi avete anche una nuova follower su Instagram! 🙂

Lascia un commento

*