I Mercatini di Natale di Torino con i bambini

Ragazzi, siamo di novo reduci da una delle solite imprese sfigate che ormai ci caratterizzano. Se nella pagina “Chi Siamo” ci siamo descritti un po’ come dei Sandra e Raimondo sfigati una ragione ci sarà… Siamo vicini alle vacanze e ci stiamo arrivando grattando il fondo con le poche energie rimaste e scarsa lucidità.

Ieri c’è stata nell’Istituto dove lavoro (io Luca, intendo) la festa di Natale, così Adriana e Daniele sono scesi a Torino. Dopo la festa avevamo una commissione da fare ed abbiamo pensato di cogliere l’occasione per concederci una serata di tregua e relax passeggiando per mercatini di Natale nella nostra bella Torino. Questo mi avrebbe anche consentito di scrivere un pezzo, appunto, sui mercatini di Natale a Torino con i bambini.

Vi racconto cos’è successo mentre vi descrivo i nostro itinerario per una visita con i bambini dei Mercatini di Natale di Torino perché la nostra città, sotto Natale, merita sicuramente una visita.

Mercatini di Natale di Torino con i bambini – Piazza Solferino

Generalmente i percorsi per visitare i Mercatini di Natale di Torino partono da Piazza Castello, il vero cuore della città. Tuttavia, sia se arrivate in treno sia se arrivate in aereo e poi raggiungete la città in bus (il mezzo più comodo che parte dall’aeroporto di Caselle), vi troverete alla stazione ferroviaria di Porta Susa.

Tanto vale, allora iniziare da qui ed il mercatino più vicino è quello di piazza Solferino (tra l’altro, durante la battaglia da cui prende il nome la piazza, è nata l’idea del Movimento Internazionale di Croce Rossa nel quale milito da quasi venti anni, quindi mi fa particolarmente piacere iniziare da qui).

Per un itinerario attraverso i Mercatini di Natale con i bambini vi consigliamo un percorso che può essere fatto, in gran parte, a piedi con semplici passeggiate molto corte e che consente, quindi, di godersi un po’ anche i panorami del centro città.

Da Porta Susa si raggiunge Piazza Solferino con una bella passeggiata di 15 minuti percorrendo via Cernaia. Con i mezzi si risparmiano 5 minuti che vengono però subito persi aspettandoli, quindi non vale la pena.

In Piazza Solferino c’è un bel mercatino ideale per i golosi: le casette di legno ospitano stand di ottimo cibo fondamentalmente di due tipi: dolci (cioccolata, panettoni, biscotti, torrone, ecc…) e specialità tirolesi (ciambelle, strudel, waffle, ecc…). Non un posto dove far cena ma dove immergersi da subito nell’atmosfera del Natale insieme ai nostri bambini.

In settimana chiudono alle 21 e noi sapevamo che non saremmo arrivati in tempo ma ci siamo andati lo stesso perché, in piazza Solferino, c’è anche la pista per il pattinaggio sul ghiaccio ed il piccolo bisonte spingeva per vederla.

Lo abbiamo portato volentieri pensando che, quando sarà più grande, dalle nostre parti troverà tutte le piste di pattinaggio che vuole (che mamma Adriana in gioventù ha frequentato in lungo ed in largo). Io, invece, mi rammarico un po’ per il fatto che non potrà, come invece ho fatto io a suo tempo, passare pomeriggi e serate intere pattinando sul fiume gelato in montagna davanti a quella che adesso è la seconda casa dei nonni.

Purtroppo il clima impazzito degli ultimi tempi quel fiume lo ha fatto scomparire quasi completamente.

Comunque forse non è poi così un male: ancora mi chiedo come ho fatto a sopravvivere dato che il fiume aveva cascatelle alte circa un metro ogni 10 o 20 metri e noi, ovviamente, saltavamo giù con i pattini…

Ora noi potremmo stupirvi con effetti speciali mettendovi foto stupende prese “a sbafo” dalla rete come ho visto fare da tantissimi ma non è il nostro stile. Noi siamo sempre sul pezzo, dei veri reporter d’assalto completamente votati alla pura verità, quindi ecco la veduta del mercatino chiuso.

Mercatini di Natale a Torino con i bambiniPerché se noi siamo sfigati anche i nostri post devono esserlo: ci devono rappresentare! In quel momento non c’era nessuno? Perfetto, foto di pista vuota.

Mercatini di Natale a Torino con i bambiniPer la cronaca l’ingresso ed il noleggio dei pattini costa 8 Euro. Formalmente in settimana chiude alle 21 ma era ancora aperta quando siamo passati noi (circa alle 21:15).

Mercatini di Natale di Torino con i bambini – Piazza Castello

Da piazza Solferino a Piazza Castello (il vero cuore della città), ci vogliono circa 10 minuti a piedi e, visto che questa parte della città è stupenda, vi consigliamo di godervi la passeggiata e di non prendere i mezzi. Percorrete via Pietro Micca ed il gioco è fatto. Il bambini potranno correre in tutta sicurezza da un mercatino di Natale all’altro perché il percorso è sotto ad uno splendido porticato, non un semplice marciapiede a bordo strada. Ovviamente attenzione agli incroci!

Mercatini di Natale a Torino con i bambiniQui ci sono espositori del territorio ed altri provenienti da Ungheria, Germania, Finlandia e Svizzera e vengono organizzate attività per i bambini chiamate Gran Premio di Natale ed Olimpiadi della Befana. Questo è quello che abbiamo appreso dal comunicato stampa. Di informazioni su cosa siano queste attività, però, non abbiamo trovato traccia.

Direte voi: “Ma non potevate chiedere a qualcuno lì?”.

Guardate la foto sottostante e capirete…

Mercatini di Natale a Torino con i bambiniSì, erano chiusi anche questi! Ma nel comunicato stampa non era scritto che avrebbero chiuso alle 23? Sì, certo, il sabato e la domenica, non certo il mercoledì! Ormai siamo alla frutta, non sappiamo neanche più leggere. Urge vacanza!

Però possiamo garantire, dall’esperienza degli anni precedenti, che anche il mercatino di Natale di Piazza Castello vale la pena.

Lungo la strada tra Piazza Solferino e Piazza Castello avevamo pensato di fermarci a mangiare un crostone per cena (specialità tipica piemontese). Secondo voi abbiamo trovato aperto? Delusione massima e rapida ritirata in focacceria per placare l’ira del bisonte. Di bene in meglio…

Poi l’immancabile pausa al “turet”. I “turet” (o toretti) sono fontanelle di acqua potabile sparse in tutta la città. Sono verdi ed hanno la testa di un toro (simbolo della città) che sputa acqua. Daniele ogni volta che ne vede uno fa il giro dietro, osserva bene, e poi ci chiede dov’è la coda. Sempre…

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniSe visitate Torino in estate con temperature torride queste fontanelle sono delle vere salvavita.

Un assaggio delle Luci d’Artista

Dato il completo fallimento della serata (almeno per ora), abbiamo pensato di trasformarla da “serata mercatini” a “serata luci d’artista”.

Una visita ai Mercatini di Natale di Torino non può dirsi completa senza una visita ad almeno alcune di queste installazioni che ai bambini piacciono sempre molto. Le luci d’artista sono, infatti, installazioni luminose che ogni anno vengono accese in diverse vie principalmente del centro e sono particolarmente apprezzate sia dai torinesi che dai turisti.

Senza spostarci da Piazza Castello, lungo la direttrice nord – sud si trovano via Garibaldi (verso nord) e via Po (verso sud).

Sulla prima si trova l’installazione “Noi” di Luigi Stoisa che ci invita a coccolarci e volerci più bene.

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniSulla seconda, invece, “Palomar” (di Giulio Paolini) ci fa volare verso le stelle ed i pianeti.

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniSe percorrete via Po fino in fondo raggiungerete il fiume dal quale è possibile ammirare, sulla collina, l’installazione “Piccoli spiriti blu” sul monte dei Cappuccini. Se, invece, vi fermate a metà, sulla vostra sinistra non potrete non notare l’imponente Mole Antonelliana, il monumento simbolo di Torino (circa 10 minuti a piedi da Piazza Castello).

Quest’anno l’installazione luminosa “Il volo dei numeri” di Mario Merz (che rappresenta la successione di Fibonacci ovvero quella serie in cui ogni numero è dato dalla somma dei due precedenti) è stata sostituita da un’illuminazione blu fatta da migliaia di lampadine a led stroboscopiche.

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniEcco, io non so a chi sia venuta l’idea di trasformare la Mole in un coso color “pillola del piacere” che si erge nel cielo in tutta la sua possanza. Diciamo che l’installazione precedente era molto più bella (almeno a parer mio). Per questo motivo eviterò di specificare chi abbia donato alla città quest’opera. Tanto, se Google è vostro amico, lo scoprirete facilmente da soli…

I tram storici di Torino

Dopo aver mostrato queste “luminarie” al piccolo bisonte, però, abbiamo nuovamente trasformato il tema della serata: in Piazza Castello era in attesa uno dei famosi tram storici di Torino.

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniCi siamo avvicinati per guardarlo, abbiamo fatto un po’ gli occhi dolci al manovratore (senza parlargli, eh: è vietato!) ed eccoci a bordo a provare a guidarlo (per finta, ovviamente) ed a suonare la campana premendo forte sul pedale (questo per davvero!).

Mercatini Di Natale di Torino con i bambiniChe bella che era la vettura del 1924 su cui siamo saliti! Pensate che questi mezzi vi possono portare a fare un bel tour proprio delle luci d’artista e, in date selezionate, potrete trovare a bordo addirittura Babbo Natale! La partecipazione è ad offerta libera e non occorre la prenotazione.

Mercatini Di Natale di Torino con i bambiniRingraziamo per questa opportunità l’Associazione Torinese Tram Storici al sito della quale vi rimandiamo per tutte le informazioni.

Cosa ne dite ai vostri piccoli piacerà?

Albero e Calendario dell’avvento

Data l’ora tarda abbiamo deciso di concludere la serata dirigendoci verso la stazione di Porta Nuova percorrendo via Roma. Lungo la via, da Piazza Castello, in 5 minuti a piedi si arriva nella stupenda Piazza San Carlo, dominata dal famoso “caval ‘d Bruns” (il Cavallo di Bronzo, la statua equestre di Emanuele Filiberto di Savoia che è un altro simbolo della città).

Qui si trovano il gigantesco e luminosissimo albero di Natale della città nonché il famoso Calendario dell’Avvento che vede, ogni giorno alle 18, i Vigili del Fuoco impegnati in una cerimonia pubblica di apertura della finestra del giorno.

Mercatini di Natale di Torino con i bambiniMercatini di Natale di Torino con i bambiniI torinesi sono molto affezionati al calendario e l’apertura delle finestre è uno spettacolo per tutti i bambini. L’albero di Natale, invero piuttosto particolare, pare aver riscosso invece minori consensi.

Inutile descrivere la reazione del piccolo bisonte!

Mercatini di Natale di Torino con i bambini – Cortile del Maglio

Il Mercatino del Cortine del Maglio è stato il primo che abbiamo visitato insieme ma non siamo ancora riusciti a portarci il piccolo bisonte. Infatti, come vi abbiamo già raccontato, dopo il tram storico siamo tornati a casa perché stava diventando tardi ed il piccoletto era stanchissimo.

Secondo noi è il mercatino di Natale più bello di Torino ma, per raggiungerlo, dovrete fare una passeggiata un po’ più lunga: circa 20 minuti da Piazza Castello. Lasciamo alla vostra app di navigazione preferita il calcolo del percorso migliore per voi.

Qui, intorno alle ex fucine dell’Arsenale Militare ci sono i banchi degli artigiani (principalmente ma è possibile trovare anche dell’ottimo street food).

Un po' di street food
Un po’ di street food

C’è veramente di tutto, anche musica ed artisti di strada! Noi ci abbiamo trovato anche i nostri amati gofri!

Secondo noi qui si respira la vera atmosfera del Natale che ne fa un posto magico per portarci i bambini ed il vostro amore.

Se poi pensate che nelle vie intorno c’è il famoso mercato del Balon con il suo antiquariato, l’accoppiata non può che essere vincente. Solitamente il Balon si svolge il sabato pomeriggio e ne avevamo già parlato nel post in cui abbiamo raccontato della festa di carnevale che vi si svolge.

Mercatini di Natale di Torino con i bambini – Piazza Santa Rita

Se volete allargare un po’ il vostro giro allora potete andare fino in piazza Santa Rita dove si trova un altro mercatino di prodotti tipici ed oggettistica. Questo, però, ci limitiamo a segnalarvelo perché non ci siamo mai stati.

Vi avvertiamo, comunque, che piazza Santa Rita non è raggiungibile a piedi da piazza Castello perché il tragitto richiede un’ora. Però con i mezzi pubblici ci si arriva nella metà del tempo o poco più.

Il Presepe di Luzzati al Borgo Medioevale del Valentino

Uno dei luoghi più famosi di Torino è il suggestivo Borgo Medioevale che si trova all’interno del Parco del Valentino. Da Piazza Castello ci si arriva in 40 minuti circa a piedi oppure in circa mezz’ora con i mezzi pubblici.

Qui viene esposto il famoso presepe di Luzzati che non è uno dei simboli della città ma è sicuramente uno dei simboli del Natale a Torino per i bambini. Infatti la sua caratteristica è quella di inserire, nella tradizionale rappresentazione della natività, personaggi di famosissime fiabe che tutti i bambini conoscono..

Purtroppo dobbiamo ammettere di non averlo mai visto di persona, quindi ve lo segnaliamo ma evitiamo di descriverlo come se ci fossimo stati.

Però il Borgo Medioevale vale sicuramente la pena e, per una descrizione del presepe, potete andare a leggere qui.

Qualche giorno dopo siamo andati a vedere il piccolo mercatino di Natale nel centro storico di Pinerolo che, quest’anno, è stato illuminato in una maniera veramente inusuale e stupenda: leggete il nostro resoconto cliccando qui.

Per altri nostri contenuti riguardanti il Natale, invece, potete cliccare qui.

WHERE DO WE GO NEXT?

Informazioni utili

Sito ufficiale: http://www.nataleatorino.it/i-mercatini-2018/

Luci d’Artista: https://www.guidatorino.com/eventi-torino/luci-artista-torino-2018/

Associazione Torinese Tram Storici: http://www.atts.to.it/it/

Presepe di Luzzati: https://www.guidatorino.com/il-presepe-di-emanuele-luzzati-a-torino-la-magia-del-natale-e-delle-fiabe/

Precedente Sunshine Blogger Award 2018 Successivo Le Stevns Klint ovvero: Che fine hanno fatto i dinosauri?

8 commenti su “I Mercatini di Natale di Torino con i bambini

  1. Stefania il said:

    Sei troppo forte Luca! Uno dei post più simpatici che ho letto sui mercatini! Che forte il tour sfigato, in effetti è facile scrivere quando va tutto bene, il bello è raccontare le sfighe e gli inconvenienti del mestiere

    • inviaggiocolbisonte il said:

      Ah ah, grazie! Io credo che lo spirito di adattamento e la capacità di improvvisazione sono ciò che un viaggiatore deve necessariamente avere. Non importa se il viaggio è solo dietro casa. me’ sbagliato, secondo me, scrivere solo di viaggi bellissimi ed idilliaci in cui tutto è perfetto. I viaggi non sono sempre perfetti. Quello che scrivi ti deve rappresentare, deve dare informazioni utili e non deve prendere in giro il lettore. Però c’è del bello ovunque, basta saperlo cogliere!

  2. Certo che anche voi siete fortunati eh 🙂 Io invece ho avuto la fortuna di trovare i mercatini di Wroclaw aperti ma con talmente tanta gente che era come non esserci stati. Non ho visto nulla da tanta gente che camminava. Ma la cosa importante è l’atmosfera no?

Lascia un commento