Battesimo del volo – Cos’è e come fare

Se vi siete posti questa domanda vuol dire che il vostro bambino viaggia in aereo per la prima volta. Evviva! Allora è il momento di sapere cos’è il battesimo del volo e come ottenerlo.

Non è mai troppo presto per iniziare a viaggiare con i bambini, di recente, anzi, sembra essersi scatenata una sorta di gara a chi fa fare il primo volo al proprio figlio all’età più tenera. Noi non intendiamo entrare in questo discorso, ognuno si regola come crede.

Per cercare di organizzare al meglio il viaggio, comunque, potete dare un’occhiata alla nostra piccola guida in 10 punti sul viaggiare in aereo con i bambini.

In ogni caso, il primo viaggio aereo sancisce l’ingresso nella comunità dei globetrotter e sarebbe, quindi, carino avere un ricordo di questo momento per quando il piccolo sarà cresciuto.

Battesimo del volo: cos’è

Dovete sapere che le compagnie aeree offrono una piccola “cerimonia” per queste occasioni speciali chiamata “battesimo del volo”. Secondo noi, questo momento è ancora più importante quando il piccolo viaggiatore fa la sua prima esperienza sopra le nuvole ad un’età tale per cui è in grado di capire cosa succede e di parteciparvi direttamete.

Per il piccolo bisonte il momento è arrivato quest’anno (2018) in occasione di uno stupendo on-the-road in Danimarca. Avrebbe compiuto quattro anni pochi giorni dopo ed, oltre ad essere molto eccitato per questo viaggio e per il volo, era un po’ preoccupato soprattutto da eventuali rumori forti che avrebbero potuto spaventarlo (per quanto riguarda i rumori è piuttosto fifone…).

Battesimo del volo: mangio un panino
Ecco il piccolo bisonte completamente rilassato che mangia il panino datogli dalla hostess senza perdere di vista i suoi giochi

E’ inutile dire che tutto è andato benissimo, non si è fatto spaventare neanche quando l’aereo ha “ballato” un po’ ed il battesimo del volo è servito a farlo sentire orgoglioso del traguardo raggiunto e decisamente più tranquillo.

Battesimo del volo: come fare

Ma come fare ad essere ufficialmente “battezzati”?

E’ molto semplice: quando arrivate all’aeroporto richiedete il battesimo del volo al banco del check-in (è gratuito). A seconda delle compagnie potrebbe essere necessario chiamare il servizio clienti prima della partenza oppure chiedere al personale del gate di partenza o direttamente a bordo dell’aereo.

Una volta presi i dovuti accordi, durante il volo le hostess chiameranno il bambino e gli consegneranno un apposito attestato. Se siete fortunati potrete anche portarlo in cabina di pilotaggio dal comandante! Per quest’ultima opportunità, però, è possibile che dobbiate attendere la fine del volo. Infatti, le recenti norme di sicurezza volte a ridurre il rischio di dirottamenti ed attentati terroristici, prevedono che non sia possibile aprire la porta della cabina di pilotaggio durante il volo. Niente paura però: una volta atterrati, prima di scendere, se il comandante sarà disponibile, potrete visitare la cabina.

Scommettiamo che al bimbo piacerà tantissimo ma anche a voi non farà proprio schifo!

Certificato Battesimo del VoloA volte, per ottenere l’agoniato certificato firmato dal comandante può essere necessario “stalkerare” le hostess. Per star sicuri potete anche scaricarne uno tra i molti che si trovano online, compilarlo, portarvelo dietro (in modo da tirarlo fuori in caso la compagnia che avete scelto non disponesse del suo) e consegnarlo ad una hostess per farlo firmare al comandante.

Nel nostro caso è stato tutto molto semplice, non abbiamo dovuto utilizzate il modello stampato da noi né insistere particolarmente con il personale di bordo.

Battesimo del volo: bambini a bordo

Oltre al battesimo del volo, le compagnie aeree sanno come ingraziarsi i piccoletti di turno: praticamente tutte (almeno per la nostra esperienza e per quanto riguarda le compagnie tradizionali, non sappiamo come si comportino le low cost) al momento dell’imbarco accolgono i bambini con un giochino (differente a seconda dell’età).

Noi al momento disponiamo di una lavagnetta da disegno, un gioco di carte tipo “memory” ed un set di matite colorate con tanto di mini blocchetto di fogli. Purtroppo in un volo siamo rimasti senza giochino: lo steward, al momento dell’imbarco, ha detto che sarebbe passato a portarlo durante il volo ma, poi, non si è visto. Non importa, il bisontino ha dormito per quasi tutto il viaggio e non si è accorto di nulla.

Battesimo del volo: giochi per i bambini
Felice con la sua lavagnetta nuova: appena salito in aereo e già un regalino!

Queste piccole attenzioni, insieme ai vostri passatempi personali che porterete da casa, alla possibilità di mangiare, bere, scaldare pappe e biberon, cambiare pannolini ed ottenere persino un gelato da mangiare durante il decollo per ridurre il fastidio alle orecchie (ebbene sì è capitato anche questo, ma portatevi dietro qualcosa di vostro ed adeguato all’età come un ciuccio, biberon di acqua, caramelle, ecc da tenere pronto in caso di necessità) vi aiuteranno a passare il tempo ed a volare in modo piacevole, voi ed i vostri bimbi.

Per organizzare al meglio il vostro viaggio, poi, potete dare un’occhiata alla nostra personale piccola guida (in 10 punti) su come viaggiare sereni in aereo con i bambini oppure spulciare nella nostra rubrica di Travel Tips dove pubblichiamo le “piccole guide” tratte dalla nostra personale esperienza.

Precedente Daniele Dei di Girosognando ci ha intervistati! Successivo In aereo con i bambini - ecco le 10 cose (più una) da sapere se l'ansia è la vostra compagna

Lascia un commento

*